Appello

Balene: ricercate vive o… morte!

Lo spiaggiamento di grossi cetacei è un fenomeno che in modo periodico ed imprevedibile chiama ad interventi di emergenza alcuni comuni della fascia costiera italiana. La soluzione adottata di solito è l’interramento, che però comporta il reperimento di discariche idonee, una logistica complessa, grossi costi e conseguenze ambientali poco conosciute.

Poco considerata è invece la possibilità di trainare al largo le carcasse ed affondarle in modo artificiale, una soluzione meno costosa e più naturale dal punto di vista ecologico. Se la carcassa affondata fosse inoltre localizzabile ed accessibile si creerebbe un’opportunità unica di studiare la successione ecologica ad essa associata.

Le comunità che si insediano su una carcassa di balena che dopo la morte affonda sul fondale marino (whale fall communities), sono infatti ben studiate in molti oceani del globo, ma ad oggi praticamente sconosciute in Mediterraneo, nonostante questo sia uno dei mari storicamente più esplorati.

Gli studi finora effettuati nell’Oceano Pacifico Orientale, al largo del Giappone e nel Mare del Nord hanno portato alla scoperta di molte nuove forme di adattamenti alle whale fall communities, utili a sfruttare una fonte di energia tanto ricca qual è una balena. Inoltre gli ecosistemi associati a queste carcasse hanno la maggiore biodiversità finora conosciuta per gli ambienti marini profondi.

Il 2010, anno dedicato alla biodiversità, meriterebbe un’attenzione volta non solo alla salvaguardia dell’habitat in cui vivono e si riproducono i grandi mammiferi marini, ma anche a quel particolare ecosistema a cui danno vita dopo la morte.

Per avere maggiori informazioni:

Museo di Storia Naturale, Sezione di Geologia e Paleontologia, Università di Firenze (Stefano Dominici: stefano.dominici@unifi.it);

Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Firenze (Silvia Danise:  silvia.danise@unifi.it);

Stazione Zoologica “Anton Dohrn” di Napoli (Maria Cristina Gambi: gambimc@szn.it);

Dipartimento di Scienze del Mare, Università Politecnica delle Marche (Antonio Pusceddu: a.pusceddu@univpm.it).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: